Rileggere Dante

I testi delle conferenze di Ars – VII VolumeCOPERTINA-DANTE

Ritrovare Dante e la “dottrina che s’asconde” nella sua opera è come aprirsi ad un mondo immenso, a un paesaggio sterminato. Significa anche comprendere che la Divina Commedia è un libro sacro (il ‘poema sacro / al quale ha posto man e cielo e terra’; Par. XXV, 2-3).
L’indicazione più autorevole ci viene da Dante stesso, nei quattro sensi (letterale, allegorico, morale ed anagogico) attraverso cui leggere le sue opere (e non solo quelle), esposto nel Convivio e nell’Epistola a Cangrande.
Dunque quattro sensi, tutti con pari dignità di vero. Ma Dante va oltre e stabilisce un percorso “iniziatico” nella comprensione della sua opera e in generale quindi nel cammino verso la conoscenza, un percorso potremmo dire dall’esterno verso l’interno, senza la possibilità di ‘saltare’ alcun passaggio.
Nella vita questa lezione può condurci per mano lungo sentieri fecondi.

Autore: Renzo Guerci.

Indice

Estratto in formato PDF